Scatola "Inizia la tua esplorazione"
Scatola "Inizia la tua esplorazione"
Scatola "Inizia la tua esplorazione"
Scatola "Inizia la tua esplorazione"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Scatola "Inizia la tua esplorazione"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Scatola "Inizia la tua esplorazione"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Scatola "Inizia la tua esplorazione"
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Scatola "Inizia la tua esplorazione"

Scatola "Inizia la tua esplorazione"

Prezzo di listino
€72,00
Prezzo scontato
€72,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Se vuoi cominciare davvero a conoscere la Terra delle Gravine nella sua essenza, ti consiglio di partire con questa selezione di vini artigianali che ho pensato per te...

2 x VERDECA

La Verdeca è l'uva bianca più importante e diffusa della Terra delle Gravine. Il vino, lavorato in maniera estremamente territoriale, esprime freschezzaeleganza e mineralità; ha dei profumi molto delicati di frutta al naso, in bocca è sapido e pieno.

Io lo berrei con un bel riso, patate e cozze; altrimenti ti consiglio: primi e secondi piatti a base di pesce o carni bianche.

2 x MATIN

Matìn nasce dalle uve Minutolo, un'antica varietà della Valle d'Itria. La lavorazione del vino è personale: dopo la prima fermentazione con lieviti indigeni, viene rifermentato in bottiglia senza essere sboccato. È un vino fresco, di pronta beva, leggero ma con una sua personalità.

Io lo berrei con dei fiori di zucca fritti; altrimenti ti consiglio: frutti di mare crudi, delle verdure pastellate, delle frittelle o aperitivi a base di pesce.

2 x PRIMITIVO

Il Primitivo è l'uva nera più importante e diffusa nella Terra delle Gravine. Piantato qui da sempre, il Primitivo Marco Ludovico assume a Mottola un'identità estremamente territoriale: non è il Primitivo classico al quale siamo stati da sempre abituati (15 gradi alcol, morbido, colore rosso impenetrabile), ma un vino completamente diverso caratterizzato dal terroir unico della Terra delle Gravine: colore rosso rubino chiaro, naso prima fruttato poi speziato e bocca che sostituisce alcol e morbidezze con tannini fini, freschezza e mineralità.

Io lo berrei con dei ravioli ripieni di burrata pugliese e capocollo di Martina Franca con sugo di pomodoro fresco e basilico; altrimenti ti consiglio: primi piatti saporiti e carni bianche.